Un Mondo a Fumetti - Il forum !! Cosa aspettate a clikkare sul banner qui sotto?

Image and video hosting by TinyPic

lunedì 23 maggio 2016

Accoltellata da un fan per aver rifiutato un regalo, l'idol Mayu Tomita è in coma

L'idol ventenne Mayu Tomita è stata ripetutamente e brutalmente accoltellata da un fan, sabato 21 alle 17:00 circa, riportando decine di ferite a schiena, braccia, collo e petto. Le sue condizioni sono assai critiche, visto che versa in coma subentrato dopo l'arresto cardiaco.
Un testimone oculare avrebbe chiamato la polizia vedendo Tomita accasciarsi al suolo dopo essere stata pugnalata al collo. L'aggressore, Tomohiro Iwazaki di 27 anni, era ancora lì in piedi quando la polizia è giunta sulla scena, ed ha ammesso di aver pugnalato la donna col coltello insanguinato rinvenuto lì a terra dagli agenti. Il coltello aveva una lama di 8,2 centimetri.   
Tutto sarebbe avvenuto a causa di un regalo rifiutato. Infatti il dipartimento di polizia ritiene che Tomohiro Iwazaki fosse lo stalker che da un mese scriveva con insistenza sul blog e l'account Twitter di Mayu Tomita. E da alcuni di questi messaggi si evince come l'aggressore abbia inviato un orologio alla idol tra gennaio e febbraio; regalo che poi sarebbe stato rispedito al mittente nel mese di aprile.
Il sospetto pare abbia infatti affermato: "Le ho teso un'imboscata alla stazione e le ho chiesto del regalo. Ho perso le staffe e l'ho pugnalata molte volte perché lei non ha risposto in modo chiaro".
Tutto è avvenuto a Koganei, dove l'idol si trovava per un evento in programma più tardi, quella stessa sera, in un edificio a circa 300 metri dalla Stazione Musashi-Koganei, Tokyo ovest, sulla linea Chuo.
Tomita fa parte di un gruppo j-pop composto da cinque idol, le Secret Girls, ed era anche apparsa in passato in programmi per bambini.
Una vicenda che sembra quasi venuta fuori dal film Perfect Blue di Satoshi Kon. E purtroppo non si tratta del primo evento simile accaduto in Giappone.

Fonti consultate:
japantimes.co.jp
aramajapan.com
tokyoreporter.com

Nessun commento: