Un Mondo a Fumetti - Il forum !! Cosa aspettate a clikkare sul banner qui sotto?

Image and video hosting by TinyPic

mercoledì 9 aprile 2008

Il Fantastico mondo di Paul

Il fantastico mondo di Paul ( titolo originale Paul no Miracle, ポールのミラクル大作戦) è stato ideato da Tatsuo Yoshida, e realizzato nel 1976 dagli studi giapponesi della Tatsunoko. Character Design, Akiko Shimomoto.
In Italia è arrivato nel 1980 ed è stato trasmesso sulle varie emittenti televisive locali, prima fra tutte, Rete A, per poi essere trasmesso su Italia 1, dal 16 agosto 2005.
La sigla, davvero carina e simpatica, "Amici per la pelle sul teleschermo blu da oggi Paul e Nina ogni giorno insieme a voi..." è cantata da Patrizia Pradella.
Nel 2005 la Dynit ha diviso i 50 episodi che compongono la serie in due box contenenti 4 DVD, che, oltre agli episodi, comprendono delle brevi scene tagliate mai mostrate e doppiate in Italia.
L’edizione è completamente restaurata e rimasterizzata con dei buoni risultati sotto l’aspetto video...
Il Fantastico Mondo di Paul è nato quindi sotto la stella del cavalluccio marino, simbolo della Tatsunoko, famosissima per altri titoli come Kyashan, Polymar e Tekkaman.
A differenza di questi ultimi però, Il fantastico mondo di Paul, presenta situazioni molto più infantili che lo portano ad assomigliare ad una classica fiaba per bambini, discostandosi da alcune tematiche più “adulte” che caratterizzavano i precedenti lavori (in Kyashan la guerra ed in Tekkaman il degrado ambientale).
Qui non troveremo nulla di simile, essendo una serie destinata ad un pubblico in età quasi prescolare.

La storia de "Il fantastico mondo di Paul" è quindi come una splendida fiaba, ambientata ai giorni nostri, che porta gli spettatori in universi paralleli e in mondi immaginari fatti di giocattoli parlanti e animati, creature bizzarre e stravaganti, dove non mancano gli esseri mostruosi e i draghi cattivi.
La vita di Paul e Nina è semplice e spensierata come quella di tutti i loro coetanei, finchè un bel giorno...
Al suo decimo compleanno, viene regalato a Paul un piccolo pupazzo che lui stesso chiama Pakkun. Ma il ragazzo non può immaginare che dentro il pupazzo alberga un folletto proveniente dal Paese delle meraviglie, una dimensione parallela.
Molto presto Pakkun svela il suo potere...

Grazie ad un martello magico può aprire, attraverso una porta interdimensionale, un varco spazio temporale verso il fantastico mondo delle meraviglie dal quale è provenuto, catapultando Paul e Nina in una dimensione parallela fatta di straordinari giocattoli e gustosissimi dolci, senza che il tempo possa trascorrere.
I due ragazzi, desiderosi di nuove avventure, decidono di non lasciarsi scappare l’occasione e, accompagnati dal folletto Pakkun, entrano nel portale magico...
Nonostante quel luogo sia incantevole, Pakkun avverte i due ragazzi che il male minaccia quella dimensione...

Sin dal loro primo viaggio, si risveglia da un lungo letargo, il demone Belt-Satan che riesce a trattenere con sé la giovane Nina. Decide di rapirla per farla diventare la sua sposa.
Ritornati nel mondo reale Paul viene accusato dal padre di Nina della scomparsa della figlia, ma ovviamente non crede alle fantasie di un mondo delle meraviglie dove la ragazza è stata rapita.
A bordo di Toppe, il cane San Bernardo di Nina, che vola grazie alle sue grandi orecchie, Paul andrà alla ricerca di Nina per liberarla dalle grinfie del terribile diavolo, aiutato dall'orsetto Pakkun, che può fermare il tempo ed emanare raggi laser dagli occhi e dal magico yo yo, che può trasformarsi in un'arma micidiale.

Il varco spazio temporale creato da Pakkun ha però una durata limitata nel tempo, pertanto ogni volta che si immergono nel fantastico mondo delle meraviglie, devono ritornare nel mondo reale prima che questo si richiuda, il rischio sarebbe quello di rimanere imprigionati in quel mondo per sempre.
In ogni puntata Paul e i suoi amici dovranno combattere contro i diversi nemici seguaci di Belt-Satan: Kinoppi (Chinoppi) il funghetto, i ragni malvagi, il gigante di pietra, il rullo gigante, le orde di scheletri e tanti altri.
Non mancano i viaggi su altri mondi paralleli ancora più strani come il paese delle caramelle, le avventure nella mini mini terra, il regno di cartolandia, il paese degli uomini numero, il paese delle note musicali, la terra capovolta ecc...
Nonostante Paul sconfiggendo i mostri e le strane creature, sia sempre sul punto di liberare Nina, Belt-Satan riesce sempre a riprendersi la ragazza.
Quando ritornano nel loro mondo reale poi, l'orsetto Pakkun ritorna ad essere un fantoccio di pezza e il cane Toppe ad abbaiare come tutti i cani normali.

Alla fine, grazie all'alleanza di tutte le creature buone del regno delle meraviglie Paul e i suoi amici riusciranno a liberare Nina ed a mettere in fuga il diavolo Belt-Satan, ma i problemi non sono finiti...
Belt-Satan è inferocito per aver perso il corno sinistro, che Paul gli ha tagliato liberando Nina.
Così minaccia la Terra dal suo mondo servendosi del diabolico fungo Kinoppi...
I due amici, spinti da un profondo senso di colpa per aver risvegliato l’empio Belt-Satan, decidono di non abbandonare ad un destino infausto le tante popolazioni oppresse dal diavolo nemico, e di correre in soccorso di chi è troppo fragile per combattere...
Dopo innumerevoli difficoltà Paul riesce, isieme a Nina, a sconfiggere Belt-Satan impedendogli di distruggere non solo il Paese delle Meraviglie ma anche la terra reale.

Nell'ultimo episodio Belt-Satan ripudia malamente Kinoppi, quasi fosse un oggetto ormai inutile. Non gli serve più, ora con due corna (quella tagliata da Paul gli ricresce nel corso delle puntate...) può uscire dal suo antro.
Allora il piccolo Kinoppi pensa di allearsi col nemico di sempre, Paul, che deve salvare il Paese.
Il piccolo ex-diavoletto rischia la vita per salvare gli ex-nemici e alla fine ce la rimette davvero.
Ridiventa fungo morendo, tra le lacrime del suo nuovo amico, Paul.
Finalmente liberi dalla maledizione di Belt-Satan, Paul e Nina fanno ritorno al loro mondo, pieni di ricordi di avventure emozionanti e affiancati da un normale cane a quattro zampe ed un peluche inanimato.
Un cartone da non perdere, per tutti gli amanti della fantasia...

Fantasia sostenuta dall’utilizzo instancabile di colori audaci, che si alternano a delicate tinte pastello o acquerellate, mentre la colonna sonora, opera di Shunsuke Kikuchi, famoso compositore nipponico, sottolinea con grande maestria i passaggi da una dimensione all’altra ed evidenzia i diversi stati d’animo.
Non solo una storia per bambini, dunque, ma un'entusiasmante viaggio alla scoperta dei sogni che ciascuno di noi in cuor suo coltiva, delle paure che tutti cerchiamo di tenere a bada...
I mondi in cui viaggerà Paul sono pieni di colori e abitati da creature fantastiche ed originali che sicuramente possono colpire l’immaginazione dei più giovani. Ogni singolo episodio segue sempre lo stesso, ripetitivo, schema, con Paul che, ad un passo dal salvare Nina, viene battuto sul tempo da Belt-Satan che scappa per rifugiarsi altrove.
Questo fino all’ultimo episodio, dove Paul sarà costretto a chiedere l’aiuto a tutte le creature buone incontrate nella sua lunga avventura per sconfiggere definitivamente il perfido tiranno.

L’unico aspetto originale che differenzia i vari episodi è la caratterizzazione dei mondi fantastici e delle creature che lo abitano, tutte molto particolari e buffe, con sgargianti colori e caratteristiche fisiche che le collegano al mondo di appartenenza. Belt-Satan è forse il personaggio caratterizzato meglio sotto l’aspetto visivo: nonostante abbia una forma fisica delineata, sembra totalmente composto da fiamme celesti, tendenti al viola, che ardono in continuazione.
I disegni, seppur graziosi nella loro semplicità, e le animazioni risentono, chiaramente, degli anni passati, ma i colori vivaci e le tinte pastello aiutano comunque a calarsi in una fantastica avventura.

La serie della Tatsunoko si può definire come una rilettura in chiave moderna del celebre Alice nel Paese delle Meraviglie, aggiungendo diversi elementi inediti ed accattivanti che rendono la storia e gli episodi sempre godibili...
In ogni episodio assistiamo ad una nuova avventura ricca di azione e colpi di scena.
Il Fantastico Mondo di Paul è una fiaba in grado di affascinare grandi e piccini, nonostante siano trascorsi tanti anni. È un po' difficile valutare quei cartoni che ci piacevano tanto quando eravamo piccoli... A chi consigliarlo? Ai nostalgici... a cui sono sicura che farà piacere rivederlo...

Nessun commento: