Un Mondo a Fumetti - Il forum !! Cosa aspettate a clikkare sul banner qui sotto?

Image and video hosting by TinyPic

venerdì 23 maggio 2008

Paradise Kiss... Un paradiso di baci!!

Paradise Kiss (パラダイス・キス, Paradaisu Kisu) è un manga della bravissima Ai Yazawa. Nasce come seguito del noto Cortili del Cuore ( titolo originale "Gokinjo Monogatari"), ma e' strutturato in maniera tale da non penalizzare chi non conoscesse l'opera precedente in quanto l'autrice ci propone situazioni nuove di zecca. Serializzato mensilmente, a partire da aprile del 2000, sulle pagine di Zipper, una rivista di moda, della Shodensha, casa editrice finora sconosciuta in Italia, Paradise Kiss e' stato iniziato dalla sensei Yazawa nello stesso periodo di Kagen no tsuki (Ultimi raggi di luna). E' stato poi raccolto in 5 volumi in formato A5 (quindi più grande dei tankobon a cui siamo abituati). Arriva in Italia nel dicembre 2001 e viene pubblicato dalla Planet Manga nella sezione topmanga. La storia è divisa in 48 stage e raccolta in 10 (o 5) volumi nell'edizione Italiana, in 5 Tankobon in quella giapponese.

Dal manga viene tratto, nel 2005, un omonimo anime in 12 episodi, prodotto da Animex e dallo studio Madhouse. Per l'occasione è stato messo a lavoro praticamente tutto lo staff già artefice della serie animata di Beck, oltre ad un character design d'eccezione come l'intramontabile Nobuteru Yuki. Uno shojo coi fiocchi, con un'animazione fluida, un bellissimo character design e una storia romantica ma adulta, arricchita dall'interessante ambientazione nel Giappone contemporaneo e nel mondo della moda e del design. La regia è fantastica, scorrevole e godibile (bellissime le dissolvenze), una volta vista questa serie farà riflettere lo stereotipo femminile che più s'avvicina a Yukari, forse perchè la vita non è solo studio, ed anzi [...], e inoltre, non lascerà l'amaro in bocca ai maschietti, dato che regala anche grandi momenti di comicità. Menzione d'onore alla sigla iniziale, eseguita da Tommy February6, "Lonely in Gorgeus", decisamente molto orecchiabile. Belle le musiche, dunque, e geniale la scelta di usare i Franz Ferdinand per la sigla finale, dove l'impronta del team responsabile di Beck è maggiormente evidente. Il fatto che i protagonisti, come in "Gojingo Monogatari", siano dei classici esempi di quello stile all'avanguardia "Goshikku Roriita" tipico dei giovani di Tokyo lo rende ancora più interessante.

Ma torniamo a parlare del manga. Molti dei personaggi di Gokinjo Monogatari fanno delle apparizioni "cameo" all'interno del manga, tra le altre Mikako, Tsutomu e "l'alieno scintillante" Seiji.
Paradise Kiss racconta la storia di Yukari Hayasaka (早坂紫, Hayasaka Yukari), una studentessa della prestigiosa Scuola superiore Sakai, che, per rispettare le aspettative di una madre ossessivamente esigente, ha sempre messo la sua carriera scolastica prima di ogni cosa. All'inizio della storia Yukari è segretamente innamorata di un suo compagno di classe, Hiroyuki Tokumori (徳森浩行, Tokumori Hiroyuki). La sua statura superiore alla media e il suo bel aspetto però, attirano l'attenzione di un gruppo di studenti di moda della scuola privata Yazawa, in cerca di una modella per una loro sfilata scolastica... e così...
E' domenica e Yukari Hayasaka sta camminando per la città un po' scocciata per la confusione che c'è in giro. Ad un tratto uno strano ragazzo con piercing e spille da balia sulla faccia (e non solo ^^;;) la ferma e comincia a fare dei commenti sul suo aspetto fisico. Yukari tenta di fuggire e di piantare lì il giovane ma viene bloccata da un altro tizio con un trucco vistoso e vestito come una dama di inizio secolo (all'inizio Yukari non capisce se sia un maschio o una femmina) che pare rispondere al nome di Isabella. A questo punto Yukari, a causa dello shock, sviene fra le braccia del secondo strano giovane in cui è incappata.

Appena si risveglia si trova davanti la faccia angelica di una dolce ragazzina dai capelli rosa, inoltre è finita in un luogo a lei totalmente sconosciuto. I tre ragazzi, ci sono anche i due che l'hanno imbroccata per strada, allora le spiegano di averla fermata perchè vorrebbero che Yukari facesse da modella alla loro sfilata annuale, infatti tutti e tre frequentano il terzo anno di Design Stilistico all'Isitituto Yazawa. Yukari, un po' prevenuta dalle voci poco serie che circolano sui membri di quella scuola, finisce per litigare con Arashi Nagase (il tizio con le spille in faccia, che sarebbe il figlio di Risa, per chi avesse letto Gokinjo ^_^), ed andarsene in malo modo, nonostante la ragazzina dai capelli rosa sia molto gentile e le dica di chiamarsi Miwako Sakurada (sorella minore di Mikako Koda di Gokinjo Monogatari, fidanzatissima con Arashi Nagase ) e di tornare da loro un caso cambiasse idea. Mentre Yukari fugge via perde il libretto scolastico che viene raccolto da un vistoso ragazzo dai capelli blu, Joji Koizumi, che entra nell'atelier della Paradise Kiss (ovvero lo strano posto in cui era finita Yukari, da cui prende il nome il manga): i ragazzi lo chiamano George.

Attraverso il suo libretto studentesco (che ha non poco sconvolto Miwako dopo che ha visto la foto che in esso è custodita) George riesce a rintracciarla a scuola e, il giorno dopo, l'aspetta alla fine delle lezioni. Yukari gli richiede indietro il suo documento (ha saputo dal ragazzo che lo ha perso all'atelier), ma lui le risponde che non ce l'ha e la costringe ad andare per riprenderselo, ma non la porta all'atelier della Parakiss (contrazione per Paradise Kiss), ma all'Istituto Yaza. Qui i due si imbattono subito in Miwako (che ha ribattezzato Yukari col nome di Caroline, la chiamerà sempre così da ora in poi) e poi tutti e tre si recano dal Professore Kisaragi (Seiji Kisaragi, l'assistente/colf di Ruriko Kouda in Gokinjo Monogatari). Qui Yukari si sconvolge per l'ennesima volta nel vedere il rapporto di confidenza che Miwako e George hanno con i loro professori.

George chiede a Seiji di sistemare i capelli a Yukari (che viene anche truccata) e poi la trascina all'atelier e le fa indossare uno dei vestiti prodotti dal suo gruppo d'amici. Parlando con Miwako la ragazza riesce a capire che quello che fanno i membri della Parakiss non è un gioco e che si stanno impegnando seriamente per raggiungere uno scopo. Appena esce dal bagno col nuovo vestito Yukari si scusa con tutti e George le restituisce il libretto e le chiede di fare da modella alla loro sfilata, avrà 3 giorni di tempo per decidere. La domenica successiva Yukari si reca in biblioteca per studiare (si sta preparando per l'esame di ammissione all'università) e causalmente incotra George. I due finiscono per pranzare insieme (con dei panini offerti da Yukari) e la ragazza si sfoga un po': prova una certa invidia per i membri dell'atelier perchè hanno un sogno da realizzare, mentre lei si sta facendo trasportare dagli eventi e sta cercando di superare l'esame per l'università solo perchè sono i suoi genitori a volerlo.

Il giorno dopo torna di nuovo alla Parakiss e mentre esce con Miwako per comprare del the, scopre che la ragazza ha visto la foto che lei tiene nel libretto scolastico e che addirittura conosce il ragazzo che vi è ritratto: Hiroyuki Tokumori, compagno di classe di Yukari, è un amico d'infanzia e vicino di casa di Miwako!!
La ragazza però ha perso i contatti con l'amico diverso tempo fa dopo che si è trasferita da sua sorella. Tempo dopo Yukari annuncia a tutto il gruppo di accettare la loro proposta: farà da modella per la sfilata! E' l'inizio del rapporto tra Yukari e il gruppo dell'atelier Parakiss, un rapporto nato nel contrasto di due mentalità agli antipodi, ma che ben presto travolgerà la giovane portandola ad interrogarsi su cosa stia effettivamente facendo della propria vita...
I ragazzi non perdono tempo e improvvisano una festa di benvenuto per la loro Caroline! Yukari finisce per ubriacarsi (non è avvezza all'alcool) e si addormenta. Si sveglia che sono oramai le 9 di sera e George la accompagna a casa in macchina.

Siccome per la festa l'hanno fatta cambiare d'abito e Miwako l'ha truccata con un rossetto a lunga durata, George tenta di toglierlo dalle labbra della ragazza con il suo fazzoletto, prima che questa entri in casa e sua madre vada su tutte le furie. Yukari resta sconvota dalle sensazioni che le ha scatenato il gesto del ragazzo. Nei giorni seguenti Yukari non fa altro che pensare a George, ma continua a ribadirsi che il ragazzo che le piace è Tokumori (col giovane ha un semplice rapporto fra compagni di classe, neppure si parlano molto). Alla fine le viene un'idea: far reincontrare Miwako e Tokumori dopo tanto tempo all'insaputa dei due. Organizza il tutto e con una scusa trascina il compagno di classe all'appuntamento, però per strada incontra per caso George e... la cosa la turba molto, non avrebbe voluto farsi vedere da lui insieme ad un altro.

L'incontro a sorpresa fra Miwako e Hiroyuki non va come Yukari aveva previsto e fra i due si crea un'atmosfera piuttosto glaciale e imbarazzata, alla fine Yukari decide di lasciarli soli in modo che i due non debbano parlare dei fatti loro davanti a "un'estranea" e si reca all'atelier. Qui incontra George che la tratta in modo molto freddo, le rivela che non ha preso bene il fatto di averla vista con un altro e di avere una cotta per lei. Miwako e Hiroyuki chiacchierano un po' della loro situazione, poi il ragazzo si reca al doposcuola. Yukari spiega a George che il giovane con cui l'ha vista assieme è solo un suo compagno di classe e niente più, lui la vorrebbe costringere a rivelare i suoi veri sentimenti e tenta di baciarla, ma in quel momento gli squilla il cellulare (è Isabella che è in cerca di materiale per la sfilata) e la molla lì dandole appuntamento al sabato successivo, avrebbero ripreso il discorso da dove lo hanno interrotto. Alla fine del doposcuola Yukari trova Miwako ad attenderla all'uscita e le due finiscono in un locale a parlare: Miwako rivela all'amica che prima di trasferirsi sia Arashi che Hiroyuki si erano innamorati di lei e che anche lei provava lo stesso sentimento per entrambi, aveva poi scelto Arashi un po' più per gli eventi che erano accaduti (soprattutto per il fatto che lei aveva dovuto trasferirsi dalla sorella e aveva perso i contatti con Hiroyuki), ma non aveva mai saputo decidersi del tutto. Alla fine la ragazza le chiede se con Arashi sia felice, lei risponde di si, quindi Yukari le ribadisce che allora questa è stata la scelta migliore.

(Da bambini infatti Miwako, Arashi e Hiro erano inseparabili, ma una volta diventati grandi la ragazza si era messa con Arashi, il quale le aveva imposto di non vedere più Tokumori: lei però soffre ancora perché amava entrambi i ragazzi.
Miwa pensa di poter rinunciare definitivamente a Hiro perché crede che lui e Yukari stiano insieme: l’amica le confessa però che adesso è interessata ad un altro...)
E' arrivato il sabato del suo appuntamento con George, ma Yukari ancora non ha ricevuto notizie dal ragazzo, neppure sull'ora e sul luogo in cui incontrarsi. Dopo le lezioni lo chiama e lui la invita all'atelier. Giunta qui Yukari gli chiede perchè lui non le avesse telefonato e il ragazzo le risponde: "Perché sapevo che mi avresti chiamato tu". Yukari finalmente ha il coraggio di rivelargli i suoi sentimenti e i due ragazzi si baciano.

Mentre George e Yukari si... stanno dando da fare, il cellulare del ragazzo squilla di nuovo: è Arashi, il gruppo aveva un appuntamento in centro per cercare il materiale per la sfilata. Raggiunti in ritardo gli amici incominciano l'impresa che sembra più ardua del previsto, soprattutto perchè George sembra incontentabile!! Finiscono per accogliere un'idea lanciata da Yukari, ovvero comprare una stoffa a tinta unita e decorarla con delle perline, perline che verranno sottratte "con la forza" alla collezione privata di Isabella. George incarica i ragazzi dell'acquisto della stoffa, metre lui, come al solito si dilegua ingnorando il fatto che poco tempo prima aveva promesso a Yukari di cenare con lei. Il giorno dopo, essendo domenica, Yukari si reca all'atelier per dare una mano; all'inizio i ragazzi sembrano restii nel farla collaborare (hanno paura che usi la storia dell'abito come scusa per fuggire dallo studio), ma capito che non è così la coinvolgono volentieri. Poco dopo arriva George con il disegno del motivo da riportare sulla stoffa: è un motivo di fiori piuttosto complicato ed il povero Arashi finisce per lamentarsi un sacco in vista dell'enorme lavoro che li attende! Manca solo un mese alla sfilata...

A scuola Yukari rivela a Tokumori il motivo per cui conosce Miwako e che ha deciso di fare da modella per la loro sfilata, intanto allo Yaza-gaku Mikako Kouda è stata convocata dalla Professoressa Hamada per una lezione speciale (deve sostituire Seiji che si è dovuto recare a Londra per un lavoro urgente). Il sabato seguente Yukari è di nuovo all'atelier e verso le sei decide di tornarsene a casa (anche perchè è a quell'ora che finisce il doposcuola e non vuole far insospettire sua madre). George si offre di accompagnarla in macchina, ma alla fine non la porta a casa ma a cena fuori come le aveva promesso una settimana prima [meglio tardi che mai...]. Dopo la cena la ragazza "si fa trascinare" nell'appartamento del giovane e con l'aiuto di Miwako imbastisce una scusa da raccontare alla madre, anche se poi litiga sia con la madre per telefono sia con George.

Yukari finisce davvero per dormire a casa di Miwako, ma poi, accortasi che ha perso uno dei suoi fermagli, vorrebbe tornare dal ragazzo a riprenderselo (vuole anche usare questo pretesto come scura per vederlo e cercare di far pace). Intanto nell'appartamento di George si è presentata sua madre che ancora una volta è andata da lui per "piagnucolare" e lamentarsi di come la tratti il padre di suo figlio (non è sposata col padre di George, lei ne è "solo" l'amante e l'uomo la cerca solo quando ne ha voglia, ma nonostante tutto lei non riesce a lasciarlo). Mentre Yukari sta per uscire da casa di Miwako le squilla di nuovo il cellulare: è sua madre e alla fine la ragazza decide di tornare a casa e di rivelare alla donna che sta frequentando i ragazzi della Parakiss. Appena riattaccato il cellurare squilla di nuovo: stavolta è George che la sta aspettando proprio lì sotto e mentre la riaccompagna a casa i due si riappacificano.

Il giorno dopo Yukari si presenta all'atelier con due valige: ha deciso di lasciare casa sua e di non frequentare la scuola per un po', ha raccontato tutto a sua madre ma la donna è andata su tutte le furie e le ha proibito di continuare a vedere i membri della Parakiss. Dopo aver discusso un po' con i ragazzi George le propone di stare da lui, visto che al momento non ha altro posto dove andare, ma finisce per usare l'appartamento di Arashi (lui tornerà dai suoi per un po'). La mattina seguente Miwako passa da Yukari a portarle la colazione e discutendo le fa sapere che sua sorella sta cercando una commessa per uno dei suoi negozi, Yukari accetta di presentarsi al colloquio e incontra Mikako. Purtroppo il posto di lavoro non è più vacante, ma Mika la ingaggia come modella per fare alcune foto con i suoi abiti, un servizio fotografico del famoso marchio Happy Berry!! Il giorno seguente mentre Yukari si reca all'appuntamento con Mikako riceve una telefonata da Tokumori preoccupato per lei, ma lei lo rassicura e gli dice che è tutto a posto. Poi raggiunge il set dove deve fare le foto e qui incontra Seiji che si occuperà del trucco e delle acconciature e conosce Tsutomu Yamaguchi il marito di Mikako. Il servizio fotografico ha inizio...

Il servizio fotografico va molto bene e sia Mikako che Seiji si congratulano con Yukari, inoltre entrambi esprimono il desiderio di voler ancora lavorare con lei, Mika le chiede addirittura di far da modella nella sua prossima sfilata. Finito di lavorare la ragazza si reca all'atelier a festeggiare con gli amici. Quella sera, dopo i festeggiamenti e mentre George la accompagna a casa, Yukari gli chiede di salire su da lei e i due passano la notte insieme. Intanto Tokumori si reca a casa di Arashi per avere notizie di Yukari e lui gli rivela che adesso alloggia nel suo appartamento. Hiroyuki fa per andare da lei a parlarle ma davanti alla porta della casa trova Miwako che lo trascina via (anche lei si era recata trovare l'amica, ma, capito cosa stava accadendo nell'appartamento stava facendo retro-front! ^^).

Yukari decide di trasferirsi a casa di George. Prima di recarsi a scuola lui le lascia un abito da indossare e il pranzo pronto, lei non avendo nient'altro da fare finisce per mettersi a lavorare all'abito della sfilata, al festival mancano poco meno di due settimane. A scuola Arashi ha una discussione con Miwako in quanto ha saputo da Tokumori che i due si sono incontrati. Quel pomeriggio all'atelier George mette al dito di Yukari un anello a forma di farfalla che lui ha confezionato per la sfilata. La sera Yukari non l'ha ancora tolto e visto che è parecchio ingombrante e lei non ha intenzione di levarselo il giovane glielo chiede indietro per sistemarlo meglio in modo che non si rovini. Restituitolo, la ragazza, se ne va a letto, quando quella notte dopo aver fatto un incubo Yukari si sveglia si accorge che al dito ha un nuovo anello uguale identico a quello che George le aveva dato nel pomeriggio, ma decisamente più piccolo e portabile.

Nei giorni seguenti Yukari si reca a un incontro con Mikako, ha deciso di tentare di divenire una modella professionista e vuole chiedere dei consigli alla stilista. Mika la indirizza da una sua amica che ha appena aperto un'agenzia di modelle. A scuola Tokumori viene a sapere dal professore che Yukari è assente e non può sostenere gli esami di fine trimestre (che sono già cominciati) perchè a casa ammalata. Ovviamente questa è una scusa inventata dalla madre della ragazza. Yukari si reca all'appuntamento con Kozue Shimamoto, l'amica di Mikako e la donna la stupisce parecchio, soprattutto per il suo comportamento piuttosto... "strano". Comunque le comunica che per entrare nella sua agenzia ha bisogno del consenso dei suoi genitori e per la ragazza la cosa è davvero un grosso problema. Quella sera Arashi e Miwako fanno finalmente pace e mentre i due sono insieme il ragazzo riceve una telefonata da Hiroyuki preoccupato per Yukari. Arashi gli dice di lasciarla stare e di non fare la spia ai genitori o agli insegnanti perchè lei ce la sta davvero mettendo tutta per realizzare i suoi sogni. Intanto Yukari non riesce a trovare il coraggio di rivelare a George che è stata in un'agenzia di modelle e che probabilmente tornerà a casa per parlare con la madre e chiederle il permesso per lavorare.

Il giorno dopo Yukari incontra (dopo essere stata praticamente cacciata da George dall'atelier) Hiroyuki e ha una sorta di discussione con il compagno di classe. Dicendogli di non preoccuparsi e che tutto va bene lo lascia al bar dove si sono incontrati. Più tardi rientrando a casa vi trova la Signora Shimamoto e Yukino, la madre di George. Parlando da sola con la seconda Yukari si rende conto del motivo per cui George odi le donne prive di spirito d'indipendenza. Infatti Yukino vive all'ombra dell'amante e non fa altro che lamentarsi per aver dovuto lasciare il suo lavoro di modella e per dover continuare a stare con un uomo che non si ricorda mai di lei. Yukari allora prende una decisione: decide di smettere di scappare e di tornare a casa ed affrontare sua madre. Prepara le valigie e si reca all'atelier per comunicare la cosa a George ma i due finiscono come al solito per discutere e si lasciano in malo modo. Tornata a casa Yukari incontra il fratellino Suguru che le chiede se la sua amica si sia rimessa, infatti la madre aveva raccontato una bugia al bambino dicendo che Yukari era a casa di un'amica ammalata. Yukari riese a parlare con la madre e a dirle dell'agenzia di modelle, la donna acconsente ad incontrare la Shimamoto a patto che la figlia prenda il diploma di scuola superiore.

George rientra a casa e trova la madre che dorme sul divano, i due la mattina hanno una sorta di discussione e la donna lo accusa di non riuscire a trattare con la gente che gli sta intorno. Intanto Yukari è tornata a scuola e si appresta a sostenere l'ultimo giorno di esami, gli altri li recupererà in seguito. I compagni le dimostrano solidarietà e comprensione. Dopo la scuola la ragazza si ferma a parlare con Tokumori e gli racconta dell'agenzia di modelle. La domenica successiva la signora Shimamoto va a trovare la mamma di Yukari e la donna le dice che parlerà col marito della sua proposta e le darà una risposta entro breve. Nonostante tutto i rapporti tra Yukari e la madre non migliorano molto. Oramai manca solo un giorno all'inizio del festival scolastico ed i ragazzi sono tutti indaffarati nel finire di preparare gli accessori per l'abito: George sta finendo le scarpette all'atelier, Miwako, Arashi e Isabella sono sul tetto della scuola che ultimano la corona e la collana, quando sopraggiunge la Professoressa Hamada che, beccatoli a marinare le lezioni, gli sequestra il loro lavoro!

Yukari a scuola si sente male e lascia le lezioni alla quarta ora, ma decide ugualmete di andare alle prove della sfilata allo Yazagaku. Proprio mentre esce da scuola trova George che la sta aspettando in macchina, i due non si erano più visti nè sentititi dal loro litigio quando Yukari era tornata a casa. George è addormentato in macchina e Yukari si appoggia allo sportello della spider, il ragazzo viene svegliato dal cellulare che squilla e mentre risponde ad Isabella, appoggiando una mano sulla testa di Yukari, si accorge che la ragazza ha la febbre. Chiude così la conversazione e la porta all'ospedale, dove la ragazza si sveglia 5 ore dopo. Le prove si sono concluse da un pezzo, ma George la rassicura: sicuramente Arashi, Isabella e Miwako si sono occupati di tutto. Viene dimessa subito e si reca con il ragazzo all'atelier dove apprendono della confisca della corona e della collana da parte della professoressa. Poco dopo Yukari se ne torna a casa, ma non permette a George di riaccompagnarla in macchina e alla richiesta di lui di poterla baciare lei gli risponde: "Solo se riesci a vincere il gran premio".

Il giorno del festival George si reca a casa di Isabella e praticamente le ruba le sue stupende rose bianche da usare per la sfilata al posto delle cose sequestrate. Le rose però vanno colorate di blu (l'abito è azzurro), quindi appena arrivato a scuola mette il resto del gruppo al lavoro. Anche Yukari si è recata allo Yazagaku, è il giorno in cui si tiene la sfilata, e incontra subito Miwako che la porta dagli altri che si stanno ancora occupando delle rose. Le cose fra Yukari e George, dopo aver fatto pace, sembrano andare per il meglio... Intanto allo Yazagaku ha fatto ritorno una studentessa della scuola che al momento studia a Londra, è Kaori Aso e la Professoressa Hamada e la signora Shimamoto la incontrano nel cortile. A poche ore dalla sfilata Yukari viene presa dal panico e finisce per recarsi sulla terrazza della scuola per esercitarsi nel camminare, chiama anche la Shimamoto perchè le dia dei consigli, ma l'unica cosa che può dirle la donna è: "Perchè non provi a ripetere a te stessa: sono la donna più bella del mondo?!". Oramai l'ora X si sta avvicinando e Yukari viene preparata dal gruppo, intanto anche Tokumori, insieme a Noriji, si è recato al festival proprio per vedere Yukari.

Arashi e Miwako hanno finalmente finito di colorare le rose e corrono nel camerino a portarle a George e Isabella, nel passare, Miwako intravede Aso. Mentre l'aiuta a vestirla, Isabella, racconta a Yukari di come George, quando entrambi erano ancora alle elementari, le abbia regalato il suo primo abito da donna e l'abbia convinta ad accettare la sua vera natura. Finita la "fase di vestizione" la ragazza esce dal camerino e George le mette al dito l'anello a forma di farfalla (quello grosso). Anche Joichi Nikaido, il padre di George [il ragazzo porta il cognome della madre], si reca all'istituto per assistere al concorso. Perfino Yukino è qui e come al solito si sta lamentando con Kozue, ma mentre dice che non permetterà più all'amante di fare di lei ciò che vuole lo incontra e tutti i suoi buoni propositi vanno a farsi benedire. Mentre Kozue molla Yukino con il padre del figlio, incontra Mikako e le due iniziano a ricordare i tempi di quando frequentavano la scuola (anche Kozue ha studiato allo Yazagaku).

La sfilata ha inzio e nonostante le preoccupazioni iniziali di Yukari tutto va benissimo; Hiroyuki, confessa al vecchio Noriji (ve lo ricordate in Cortili?) di essere innamorato di Yukari. Finito il giro in passerella Yukari si ritrova fra le braccia di George che la ringrazia, lei inizia un pianto liberatorio. La sera i membri della Parakiss si ritrovano all'atelier a festeggiare, anche se si sono classificati solo secondi e poi Yukari si reca a casa di George, dove rivela al ragazzo di aver litigato con la madre per via della sfilata (la donna continua a non vedere di buon occhio i ragazzi della Parakiss, anche se non li ha mai incontrati). Poi si rammarica di non essere riusciti a vincere il primo premio, ma George la consola. Le spiega anche che non doveva fare storie di fronte a Miwako, Arashi e Isabella, perchè avevano lavorato tanto: in fondo, se avessero vinto, solo Joji avrebbe ricevuto un premio, perciò è grato agli amici.

Mentre i due sono nel letto al ragazzo squilla il cellulare: è Kaori Aso e quando lei gli chiede di incontrarlo lui le risponde che arriverà subito, scatenando la gelosia di Yukari. Nonostante tutto lei lo lascia andare e mentre lui la riaccompagna a casa in macchina le racconta di come ha fatto amicizia con Kaori. Quando Yukari lo saluta tutto sembra a posto, ma in cuor suo la ragazza non ha preso per niente bene la cosa. Come se non bastasse quando rientra in casa, sua madre la schiaffeggia a causa dell'ora tarda, mentre George raggiunge Kaori nel locale dove questa si trovava... George e Kaori finiscono per parlare di Yukari e la ragazza capisce quanto lui ne sia innamorato. Gli propone comunque di trasferirsi a Londra con lei per studiare, pensa inoltre che laggiù uno con il talento dell'amico avrebbe più possibilità di sfondare.

Il giorno seguente al festival dello Yazagaku, Yukari rivela ai ragazzi di volersi trasferire a vivere da sola il prima possibile, mentre parlano arriva la professoressa Hamada che cerca George per partecipare alla premiazione del concorso tenuto il giorno prima. Restituisce anche gli accessori che aveva confiscato loro (le rose di Isabella sono appassite e inutilizzabili). George però è irreperibile, quando contattano Seiji per farsi dare una mano a "sistemare" la loro modella scoprono che i due insieme si stanno avviando a scuola. Quella sera, quando Yukari torna a casa, lascia in bella vista in salotto la foto ricordo che le hanno scattato col premio e il giorno seguente, dopo la scuola, si accorge che sua madre l'ha incorniciata e attaccata a una parete. Oramai è quasi Natale e Yukari ha partecipato alla sfilata della casa di moda di Mikako, sua madre appende, ogni volta, una nuova foto alla parete del salotto e orgogliosa la sfoggia con chiunque venga a trovarla. Quando Yukari racconta la cosa a George lui si mette a ridere divertito. All'atelier, comunque, le cose non vanno benissimo, gli abiti della Parakiss messi in conto vendita nei vari negozi non si stanno vendendo "per colpa" dello stile appariscente di George. Yukari scopre che il suo partner del servizio fotografico a cui parteciperà quello stesso giorno è proprio il fidanzato (che ha chiesto a Kozue di fare da modello), quando poi fa vedere a Tokumori una di quelle foto scopre non solo che le compagne la invidiano a morte per aver un così bel ragazzo, ma anche che... il compagno di classe è sempre stato innamorato di lei (o almeno così sostiene lui)!!

La vigilia di Natale, dopo l'usuale ennesima festa tenuta alla Parakiss, Yukari si ferma a casa di George, ma, quando sono sul più bello, suona il campanello: alla porta c'è Kaori! Inizialmente Yukari viene presa dalla gelosia, ma poi saputo chi è la persona che è comparsa così all'improvviso fa buon viso a cattivo gioco e cerca di fare amicizia con lei. Dalla piega che prende la conversazione fra i tre, Yukari capisce che George ha comprato un computer per poter scambiare e-mail con Kaori alla quale confida i suoi problemi, che ha intenzione di intraprendere la carriera di truccatore e acconciatore con Seiji abbandonando il sogno di diventare stilista e che la ragazza si è precipitata in Giappone per convincerlo a non farlo e ad andare a studiare all'estero. I due iniziano a discutere animatamente con Yukari impossibilitata ad aprire bocca "mi sento come un manichino che è stato messo in bella mostra con indosso un abito elegante", pensa. Alla fine Kaori se ne va, visto che nessuno dei due cambia idea, quando lei esce dall'appartamento Yukari inizia a piangere, George tenta di riaccompagnarla a casa, ma lei non vuole andarsene. I due non riescono a parlare.

Intanto Miwako, che era insieme ad Arashi, si sveglia e manda un sms di incoraggiamento a Tokumori che è a casa a studiare. Lui le risponde subito, ma Arashi si accorge della cosa, prende il cellulare della ragazza e ne legge i messaggi. Mentre i due discutono il telefono finisce contro un mobile e si rompe. Il giorno seguente Miwako va con Yukari a comprare un nuovo telefono, Yukari vorrebbe parlarle della decisione di George, ma poi decide che sia meglio che lo faccia il ragazzo, anche perchè è convinta che lui forse non abbandonerà il suo sogno, ma decide di non aiutarlo, non può far nulla per qualcuno che non le confida neppure i suoi problemi. Contemporaneamente George è sulla terrazza della scuola e incontra la professoressa Hamada (che ha raccolto i suoi disegni che il vento aveva sparso giù in cortile), che gli dice: "Gli stilisti che disegnano abiti di alta moda non sono gli stessi che disegnano gli abiti da indossare tutti i giorni".

All'atelier si chiedono tutti dove sia finito, Miwako esce per chiamarlo e Arashi capisce che la ragazza ha comprato un nuovo cellulare, la rincorre e le chiede scusa, ma proprio in quel momento compare George che annuncia che ha ricevuto una telefonata da uno dei negozi che tiene i loro vestiti, ne hanno venduto uno!! Alla Parakiss si tiene l'ennesima festa (per l'abito venduto), Miwako invita Yukari, ma lei rifiuta. Più tardi la ragazza le manderà un mms con una foto di un George sorridente. Yukari capisce quanto lui ami realizzare gli abiti e quanto possa aver sofferto per l'insuccesso che questi stavano riscuotendo. Arashi va a trovare Hiroyuki e il ragazzo gli spiega chiaro e tondo come stanno le cose fra lui e Miwako, poi riesce anche a far capire all'amico cocciuto il vero senso dei gesti che Miwako ha nei confronti del fidanzato. Arashi capisce così quanto sia profondo l'amore che la ragazza nutre per lui e quando la incontra all'atelier riesce solo a correre in bagno e rinchiudersi a piangere.

Intanto George ha ricevuto una telefonata da suo padre che l'ha invitato a pranzo. L'uomo gli rivela che Kaori è andata a trovarlo nel suo ufficio e gli ha chiesto di "dare la libertà a George", ovvero... di promettergli di mantenere sua madre per il periodo che lui avrebbe trascorso all'estero nel tentativo di affermarsi come stilista. Poco più tardi il ragazzo si incontra con Kaori e le racconta che suo padre si è offerto di pagargli gli studi all'estero, di mantenere sua madre e che si rivolgerà anche ad un avvocato perché i due possano avere una sicurezza economica se gli dovesse accadere qualcosa. Poi la accompagna alla stazione e la saluta. Quando torna all'atelier Miwako gli comunica che Yukari l'ha cercato. Lui la chiama e le dice che ha confezionato un nuovo abito e vorrebbe farglielo indossare, la invita ad andare da lui la sera del 31 dicembre. La sera dell'ultimo dell'anno anche Miwako si appresta ad andare in visita al tempio e va a casa di Arashi, lo trova con Tokumori, i due adesso vanno d'amore e d'accordo. Al tempio poi incontrano gli altri membri dell'atelier e George e Hiroyuki fanno conoscenza. Più tardi, mentre George e Yukari in macchina stanno andando in riva al mare a vedere l'alba, il ragazzo le rivela che quando la incontrò sbirciò nel suo libretto scolastico, vedendo la foto del suo compagno di classe, e le dice anche di aver pensato "finalmente ho trovato la mia musa".

I due guardano l'alba insieme e George le dice di aver deciso di andare a Parigi appena preso il diploma e di voler lavorare per una casa di Haute Couture, le propone di andare con lui, ma lei risponde che non vuole lasciare la sua carriera di modella appena avviata. Yukari capisce che la loro storia sta arrivando al capolinea. Il giorno della consegna dei diplomi Yukari rivela a Tokumori che adesso ha intenzione di dedicarsi solo al suo lavoro, visto che ha fallito l'esame di ammissione all'università, poi si reca all'atelier dove si festeggia la fine della scuola e la partenza di George il giorno seguente. Yukari ribadisce a Isabella che non ha intenzione di seguire il ragazzo a Parigi, ma che un giorno vorrebbe provare a sfondare all'estero come modella, dopo essersi creata una carriera in Giappone. La Parakiss si scioglie, Miwako andrà a lavorare con sua sorella, Arashi ha trovato lavoro in un atelier di abiti maschili, Isabella, vestita da uomo, ha superato un colloquio come modellista in una celebre casa (ma non pare felice della cosa). George accompagna a casa Yukari e anche loro due si separano, la ragazza non potrà andare a salutarlo il giorno seguente perché deve girare uno spot per la tv. La loro storia è giunta alla conclusione.

Dopo la partenza, Miwako manda un messaggio a Yukari dicendole che Isabella non si trova e non è venuta a salutare il suo amico d'infanzia, in realtà... è partita con lui! Avrà pur bisogno di una modellista anche a Parigi!!
Quando Yukari torna a casa trova un pacco che le ha mandato George, dentro c'è un portagioie con la chiave di un magazzino e la piantina per raggiungerlo. Quando Yukari va a vedere cosa contiene trova tutti gli abiti (compresi accessori e scarpe) che il ragazzo aveva confezionato per lei... Passano dieci anni, Yukari adesso lavora anche come attrice, in realtà i lavori come modella sono andati pian piano assottigliandosi, ma la sua carriera ha trovato altri indirizzi. Presto si sposerà con il fidanzato che fa il medico... Hiroyuki Tokumori, in luna di miele andranno in America, dove hanno in progetto di assistere ad un musical dove i costumi sono realizzati da George Koizumi. Intanto si stanno recando a una festa di Natale dove incontreranno le famiglie Yamaguchi e Nagase, Arashi e Miwako hanno una figlia: Erika...

Paradise Kiss è uno shojo stupendo, ricco di sentimenti e... sarò io, ma alla fine ho pianto!Complimenti alla Yazawa per i disegni, la storia, i personaggi, tutto perfetto. Molto reale e da sogno. Yazawa ha riassunto in un fumetto una vita intera con i sentimenti provati da una ragazza che non sa cosa fare del suo futuro...
L’arrivo della misteriosa Kaori, l’ancora irrisolto triangolo Arashi-Miwako-Hiro, l’appena accennato amore di Tokumori per Yukari… ce n’era abbastanza per un’infinita telenovela. Invece, secondo me, la sensei ha scelto per la sua vicenda non la soluzione più romanzesca, bensì la più realistica.
Quello di Paradise Kiss non è un mondo di eroi o di sogni, anche nell’anticonformistico ed estroso aspetto della vita allo Yaza, ma un mondo vero, dove l’ambiguo, indipendente, geniale Joji non poteva giurare eterno amore alla sua bella, ma nemmeno mettersi con Kaori, dove Yukari non poteva continuare l'eccezionale ma folle vita con il suo ragazzo, ma neanche diventare perfetta, brillante studentessa universitaria e modella allo stesso tempo.

La storia tra Joji e Caroline era così bella, così complessa da meritare di occupare praticamente tutto il manga, ma nella realtà non poteva essere l’amore per la vita per nessuno dei due. Ce li vedete sposati?? Io proprio no! Anche perché in fondo Yuka appartiene ad un altro mondo, come lei stessa capisce quando osserva le inaspettate somiglianze tra lei e sua madre: la vita con i ragazzi dello Yaza le è servita per scoprire interamente se stessa, ma lei non è cresciuta in quell’ambiente, non potrebbe mai diventare l’uguale né di Miwako, né di Joji. Stesso discorso per il ragazzo: anche se Yukari era in fondo l’unica a capirlo quasi interamente, ed era una persona diversa da quelle (come Kaori) che era abituato a frequentare, Joji non avrebbe mai potuto annullare la differenza che c’è tra loro senza snaturare il proprio carattere. La loro storia doveva finire: lasciarla in sospeso o farla continuare sarebbe stato solo un melenso “happy end” da fotoromanzo.

I personaggi, alla fine della storia, sono cresciuti: Joji che comincia a lavorare più “seriamente”, senza per questo perdere la sua creatività, Isabella e gli altri dell’atelier che sanno con maturità accettare la fine del sogno Parakiss, Arashi e Hiroyuki che si affrontano e si ritrovano, Miwako che rinuncia definitivamente a Tokumori, e infine Yukari, che tra successi e fallimenti riesce a realizzare una vita piena.
So che molti sono stati delusi dal finale agrodolce, le ipotesi più accreditate erano un ritorno di fiamma tra Miwako e Hiro, e una scappatella di Joji con Kaori. Ma io credo che queste soluzioni avrebbero contrastato con il vero carattere dei personaggi: a 18 anni Hiro è già maturo e ha completamente superato l’amore per Miwako, e Joji e Kaori sono troppo simili, entrambi troppo indipendenti e ambiziosi per costruire una storia.

E il matrimonio tra Yukari e Hiroyuki? Beh, forse non sono molto imparziale perché adoro Hiro, ma è troppo perfetto! Mai dimenticato anche se rimasto in sordina sotto la storia con Joji e gli altri “cameraman, attori e musicisti” cui accenna Suguru nelle ultime scene, Hiro ha a mio parere molto sofferto per la relazione di Hayasaka e Joji, ma si è dimostrato davvero maturo nell’aiutarla sempre nei momenti difficili, e alla fine anche lui è stato ripagato! Vedere i due vecchi compagni insieme è una vera soddisfazione! Una soluzione originale e inaspettata, come tutta la conclusione di Paradise Kiss: un po’ di amaro in bocca per la “scomparsa” dell’indimenticabile Joji (una scomparsa perfettamente intonata alla sua figura, però), ma anche un sorriso per come sono finite le belle e delicate storie tra Miwako e Arashi e tra Yukari e Hiroyuki. Un finale originale e realistico, completo, che non lascia spazio a inutili dilungamenti della storia, ma neanche, a mio parere, a rimpianti e dispiaceri...

Nell'ultimo decennio Ai Yazawa e' divenuta una delle autrici piu' amate dal pubblico giapponese, raggiungendo il vertice delle classifiche ad ogni nuova uscita. E' molto apprezzata anche in Italia, dove i suoi manga hanno contribuito a dimostrare la validita' degli shoujo manga e ad accrescerne il successo. Tutte le sue opere, non solo le piu' recenti, sono tra i migliori fumetti giunti in Italia. Ai Yazawa dimostra pienamente di saper cogliere con freschezza e realismo l'amore, l'amicizia e la realta' giovanile in tutte le loro sfaccettature. Nelle sue storie riesce ad orchestrare abilmente situazioni commoventi, momenti romantici ed umorismo senza far ricorso a cliche' o facili conclusioni. I suoi personaggi, ben lontani dagli stereotipi, sono sempre ben caratterizzati, tanto che sentiamo di conoscerli fin dalle prime pagine. Non sono soltanto dei personaggi affascinanti o simpatici, essi hanno dei tratti che li rendono unici, ed e' facile identificarci in essi e affezionarcisi. E ci si affeziona all'autrice stessa, la cui presenza si percepisce tra le pagine, sempre cariche di emozioni e di vita. Il passaggio a riviste piu' mature per rivolgersi ad un pubblico piu' adulto ha permesso all'autrice di rendere al massimo le sue potenzialita', e di affrontare aspetti adulti -sessualita' in primis- che era impossibile sviluppare in una rivista dedicata principalmente a ragazzine (Ribon).

Sia in Nana che in Paradise Kiss troviamo personaggi che hanno un sogno da realizzare (e tutta le determinazione nel perseguirlo) ed altri che non hanno un obiettivo altrettanto definito.
In Parakisu emerge la posizione dell'autrice nei confronti del sistema scolastico giapponese (soffocante, pieno di obblighi e contrario alla realizzazione individuale). Yukari e', all'inizio della storia, una delle tante studentesse giapponesi che si impegnano fino in fondo nello studio, soltanto perche' e' questo cio' che si aspettano da loro. Ad aprirle gli occhi e' proprio l'incontro con i ragazzi del Parakisu, tutti motivati da un obbiettivo che hanno scelto di loro volonta'. La passione di Ai Yazawa per la moda e gli accessori piu' cool (come avevamo gia' visto in Gokinjo) trovano qui la massima espressione. I disegni hanno fatto un grande passo in avanti dai tempi di Gokinjo: la maggior parte delle tavole sono talmente belle che si possono ammirare anche indipendentemente dalla storia. L'impostazione e' innovativa, e le tavole non sono mai state tanto curate e straordinariamente belle come in Paradise Kiss. Il formato piu' grande e' l'ideale per le tavole di Yazawa sensei, spesso fitte di dialoghi oppure impreziosite da immagini ad effetto.

Una piccola curiosità: Jooji (Joji) o George? Nel cast dei volumetti originali il suo nome viene scritto con gli ideogrammi, ovvero Jooji Koizumi, ma nella descrizione del personaggio viene riportato anche il nick George scritto in katakana, che in giapponese George si pronucia appunto Jooji!!!! Quindi il tutto si riduce solamente al modo in cui viene scritto e non pronunciato in quanto le due versioni si leggono entrambe allo stesso modo: Jooji!!!
All'interno del manga il suo nome viene sempre scritto in katakana tranne quando a pronunciarlo è la madre di Koizumi, qui viene riportato con i kanji, quindi volendo essere pignoli (e visto che una volta tanto l'italiano permette di fare una distinzione rispetto al giapponese, cosa che di solito è difficile) il nome del co-protagonista di Paradise Kiss si potrebbe (e forse andrebbe) scritto George quando nel manga è riportato in katakana e Jooji quando è in kanji. In pratica si può sostenere che tutti lo chiamano George (col nick) all'infuori di sua madre che usa Jooji (il suo vero nome) ^_^

Quello di Paradise Kiss non è un mondo a sé: è uno scorcio di vita “normale”, uno scorcio di esperienze e pensieri, storie e parole come nella tradizione shojo. Quella della protagonista Yukari è la nostra vita, la vita di una liceale come tante: a renderla speciale c’è il travolgente incontro con un altro mondo, quello della moda. E’ il mondo un po’ “diverso” e un po’ pazzo che avevamo già conosciuto in Cortili, il mondo di una scuola assolutamente non convenzionale come l’Istituto Yaza, opposto alla durezza del liceo di noi comuni mortali. E’ l’incontro-scontro di due universi contrapposti, simbolo di differenti concezioni e stagioni della vita, che si snoda in difficile equilibrio nella figura di Yukari. Ironico e divertente, veloce e allegro, Paradise Kiss è anche un manga che fa riflettere, che mette in scena la vita così com’è, aggiungendole il tocco del mondo quasi inaccessibile delle sfilate, delle modelle, dei vestiti e dei profumi. Incontreremo vecchie conoscenze e personaggi originalissimi, qualche citazione e situazioni sorprendenti, ma soprattutto ci sentiremo dentro Yukari e dentro Hiroyuki, ci faremo commuovere da Miwako e rideremo con Arashi… e forse finremo per subire anche noi l’ambiguo fascino di Joji… resta il fatto che è un capolavoro, e come tale, merita di essere apprezzato...

1 commento:

Anonimo ha detto...

Io ho visto l'anime 2 volte!!!! è stupendo, e anche se ci sono parti che non sono chiare come nel manga ve lo consiglio vivamente. Fermo restando il fatto che George è il più figo di tutti i personaggi!!! Bellissimooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!